News

esempio: 2014-12-17
esempio: 2014-12-17

Di Francesco eletto nuovo presidente di Fairtrade Italia

05/12/2014
Di Francesco

Lo scorso 2 dicembre Giuseppe Di Francesco è stato eletto nuovo Presidente di Fairtrade Italia. Il Consiglio di Amministrazione del Consorzio ha accolto le dimissioni rassegnate nelle scorse settimane da Andrea Nicolello-Rossi sia per la carica di Presidente che di Consigliere di Amministrazione, dovute a sopraggiunti impegni personali e professionali, ed eletto il nuovo vertice.

Un logo sonoro per Fairtrade

27/11/2014

Chi ha sentito i nostri spot radiofonici in occasione di "The power of you" forse ha già l'orecchio sul nuovo logo sonoro di Fairtrade Italia. È quel breve jingle che ricorre a conclusione del messaggio promozionale (ma si può trovare anche in video o altre applicazioni pubblicitarie in abbinata al logo visivo), con lo scopo di trasmettere attraverso un suono i nostri valori e la nostra mission.

Economia per il domani, la presentazione di due libri

26/11/2014

Quali prospettive per l'economia del futuro? Ne discutono a Padova il prossimo 2 dicembre Leonardo Becchetti e Simone Morandini alle 17.30 presso la sede di Banca Etica (via Niccolò Tommaseo 7). L'occasione è la presentazione di due volumi pubblicati di recente, ovvero "Next: una nuova economia è possibile" di Becchetti e "Custodire il futuro: etica nel cambiamento" di Morandini, entrambi editi da Albeggi.

Carrefour lancia cioccolato e zucchero

25/11/2014
foto carrefour

Sugli scaffali dei supermercati Carrefour sono arrivati da qualche settimana tre nuovi prodotti Fairtrade: il cioccolato al latte e fondente in tavolette da 100 gr, e lo zucchero di canna demerara in confezione 500 gr. Questi prodotti si aggiungono al cacao amaro in polvere e alle banane Fairtrade, già in distribuzione da un anno, che oltre alla certificazione del commercio equo, hanno anche quella del biologico.

Chi ha il potere nella filiera alimentare?

20/11/2014
#whosgot thepower

Vi siete mai chiesti perché prodotti locali come le mele hanno un prezzo simile se non superiore alle banane, che provengono dall’altra parte del mondo? E come mai i piccoli agricoltori diventano sempre più poveri nonostante il prezzo dei loro prodotti sul mercato internazionale salga costantemente? Perché continuano a verificarsi disastri ambientali, nonostante le grandi aziende stiano dando prova di implementare programmi di sostenibilità?

Pagine